Benvenuto Ospite. Oggi è venerdì, 24 novembre 2017

Istruzione e rapporti con le famiglie

Le difficoltà nella sfera della comunicazione coinvolgono circa l'1 per cento della popolazione italiana, dai sei anni in su', e nelle età inferiori ai 60 anni colpiscono più i maschi che le femmine.
Le disabilità sensoriali pregiudicano le possibilità di comunicazione. Leggere un giornale, vedere un film, sentire un dibattito, ascoltare un concerto, o un telegiornale, passeggiare in piena autonomia per la città, prendere un autobus, un treno o un aereo, usare il telefono o il computer sono azioni banali e quotidiane, che però, per molti cittadini sono, o meglio, sarebbero precluse, senza gli strumenti della tecnologia moderna.
Fortunatamente, anche se faticosamente, le cose cambiano e in questa ottica si può tentare di affrontare il tema della disabilità e delle possibilità che offre la tecnologia, in tutte le sue accezioni, dalla vita quotidiana all'uso degli strumenti informatici.
In particolar modo l'U.I.C.I. di Caserta affronta l'argomento della cultura in maniera forte e diretto.
Il diritto allo studio, quale strumento di crescita:
  1. personale, importante per la formazione del se e delle capacità relazionali,
  2. culturale, possibilità di poter conoscere tutti i momenti della quotidianità, senza limiti temporali,
  3. professionale, permettendo la libera partecipazione alla vita economica e sociale della comunità.

La tecnologia ha un ruolo molto importante per il miglioramento della vita dei disabili E in particolare modo per chi vive una disabilità visiva.
Questa sede ritiene strumenti validi al raggiungimento degli obiettivi statutari, nonché all'emancipazione della categoria nell'applicare le seguenti politiche associative:
  1. insieme alla biblioteca Regina Margherita di Monza e nello specifico con l'Unità Territoriale di Coordinamento (UTC) e il Centro Tiflo Didattico (CTD) , si impegnano nella promozione e valorizzazione della cultura dell'handicap presso gli istituti di ogni ordine e grado, a ciò si aggiunge la consulenza di supporti specifichi per l'attuazione del piano educativo individuale (pei) e dell'uso degli ausili tecnici informatici più idonei al funzionamento della disabilità visiva dell'alunno/studente. infine, grazie ai propri rappresentanti, le problematiche inerenti all'integrazione scolastica dei minorati della vista casertani sono fortemente evidenziati nei gruppi di lavoro delle istituzioni di competenza, quale il GLHI (gruppo di lavoro per l'handicap di istituto) del CSA;
  2. nell'ottica di una politica di progettazione nell'ambito del diritto allo studio, questa sede si è distinta per la convenzione stipulata con l'Ente Provincia Caserta, con la quale annualmente, sulla base della presentazione di un progetto calibrato sulle esigenze individuate dal CTD casertano relativo al PEI, viene organizzato un servizio di assistenza a domicilio post-scolastico per alunni disabili visivi, fiore all'occhiello del CDA. Il progetto riguarda alunni inseriti nella scuola primaria e secondaria del territorio provinciale,
  3. garantisce l'integrazione scolastica attraverso la collaborazione del CTD e dell'I.Ri.Fo.R. curando con il proprio supporto alle docenti di sostegno e previo finanziamenti alla formazione professionale di figure appartenenti al mondo della scuola;
  4. nell'ottica di una politica di associazionismo e di politiche di integrazione, con grande sinergia collabora con la sezione provinciale dell'U.N.I.Vo.C. (Unione Nazionale Italiana Volontari Pro Ciechi) di Caserta, nella realizzazione del progetto denominato "Camminando insieme, cresco ed imparo", ponendosi principalmente tra gli obiettivi da raggiungere:
    a) la stimolazione delle capacità residue, per il raggiungimento di una autonomia personale, oltre negli atti quotidiani anche per il raggiungimento di una mobilità coordinata nel tempo e nello spazio;
    b) la stimolazione dell'autostima del se, per la forma-mentis caratteriale e delle relazioni interpersonali.

Infine, grazie al partenariato della sezione provinciale dell'U.N.I.Vo.C. di Caserta con la sede di Napoli, con l'ubicazione di uno sportello di supporto alla persona, presso i locali della sede U.I.C.I. casertana, si offre un servizio di assistenza a 360°, con servizi aggiuntivi, quali attività ludiche per bambini e creazione di un gruppo di auto-aiuto (caunsuling).

Clicca qui per vedere l'elenco degli istituti per ciechi ed ipovedenti

Clicca qui per vedere l'elenco dei siti per scaricare eBook

Fonti e Normative

Legge 31 ottobre 1966, n. 942,
Legge 7 luglio 1970, n. 599,
D.P.R. 24 luglio 1977, n. 616,
d.lgs. 16 aprile 1994, n. 297,
legge 5 febbraio 1992 n. 104,
Consiglio di Stato, sez. V, 24 maggio 1996, n. 579,
Corte Costituzionale, 3 giugno 1987, n. 215,
L 30 marzo 1971, n. 118,
L.r. 26 aprile 1985, n. 30, regione Campania,
DL 18 gennaio 1993, n. 9,
L 18 marzo 1993, n. 67,

Nuova normativa del diritto allo studio
legge 289/2002,
legge 517/77
 
UICI Caserta © 2011
Sede legale e operativa: via Lupoli 40 - 81100 Caserta - tel & fax: 0823.355.762 - C.F. 00294230610 - P.IVA 02194790610
 
   Online          19 logo contatore